Linda - Linguistica per la Didattica e l'Apprendimento
Annotare immagini per imparare a interpretare i messaggi multimodali

Libri e locandine cinematografiche

ScenarioStrumentoCaratteristica linguisticaTemaTipologia testualeTempo stimatoDestinatariBES/Difficoltà
Come si legge un'immagineLinda - AnnotazioneMultimodalitàPubblicitàImmagini1h30Triennio SS2🟢

Presentazione dell'attività

Lo scenario

Leggere un’immagine vuol dire cogliere il significato ideativo del linguaggio in generale e del linguaggio visuale. Da un’analisi linguistica multimodale iniziale per comprendere le diverse modalità di comunicazione che vengono utilizzate si giunge ad un’attività di annotazione sull’immagine per affinare la capacità di interpretazione corretta del messaggio.

L'attività

La pubblicità si serve di una comunicazione che non è solo verbale ma anche visiva con immagini statiche o in movimento che contengono elementi legati alla prossemica e allo studio dei gesti. Il docente può scegliere di utilizzare per l’analisi una pubblicità del passato o del presente oppure di mettere a confronto il passato con il presente per un’analisi dell’evoluzione del linguaggio della pubblicità e del valore semantico/polisemico della parola. Imparare a leggere un’immagine significa conoscere la grammatica delle immagini così come conosciamo la grammatica del testo. L’attività prevede l’utilizzo di una scheda/guida per l’analisi e la possibilità di consegnare l’attività anche in versione digitale, utilizzando un’applicazione che permetta di realizzare un’infografica. Inoltre, può essere svolta, per esempio, a completamento di un percorso legato alla cittadinanza attiva o di educazione ai media ed è per questo che può essere facilmente realizzata sia nella scuola secondaria di primo grado che di secondo grado.

I diritti delle immagini utilizzate in questa attività sono attribuiti ai rispettivi autori e sono consultabili a questo link.

Perchè usare Linda - Annotazione? Perchè annotare immagini?

L’analisi dell’immagine attraverso l’annotazione sull’immagine stessa può rappresentare un diverso modo di eseguire l’osservazione e la conseguente descrizione. L’uso di strumenti digitali e la modalità di lavoro diretto sull’immagine rendono l’attività più stimolante e permette agli studenti di consolidare le competenze digitali che la scuola certifica al termine del percorso scolastico.

Obiettivi didattici e abilità linguistiche coinvolte

  • Sviluppare capacità di lettura delle immagini, attraverso anche la presentazione di casi di studio emblematici (copertine, fotografie, cartelloni, locandine, manifesti) e messaggi multimediali.
  • Acquisire strumenti critici utili allo sviluppo della competenza comunicativa.
  • Acquisire competenze relative alle strategie comunicative messe in atto dalla tipografia tradizionale e digitale e dalle campagne pubblicitarie.
  • Utilizzare in modo consapevole tecniche, strumenti e regole della comunicazione visiva per creare messaggi personali e creativi con precisi scopi comunicativi.
  • Utilizzare le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre testi visivi e non di diverse tipologie (espressivi, narrativi, rappresentativi e comunicativi).
Asse dei linguaggi
  • individuare natura, funzione e principali scopi comunicativi ed espressivi di un testo
  • padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l’interazione comunicativa verbale in vari contesti
  • leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo
  • comprendere i prodotti della comunicazione audiovisiva
  • elaborare prodotti multimediali (testi, immagini, suoni , ecc.), anche con tecnologie digitali

Hardware e software

Fornire un pc per ciascuno studente o gruppo di studenti con connessione a internet.

Elenco risorse

  • Scheda: domande di ricerca per l'analisi.
  • Esempi di annotazione sulle immagini: copertina libro, locandina film, gif.
  • Esempio di un compito/consegna completo di rubriche di valutazione realizzato con strumenti digitali.
  • Rubriche di valutazione relative agli esempi inseriti nelle risorse.
  • Scheda di autovalutazione per gli studenti.

Schede didattiche

Dracula

Pratica

L'attività si basa sull'utilizzo del nostro software di annotazione LINDA - Annotazione; per qualsiasi dubbio vi invitiamo a consultare la nostra guida dedicata cliccando qui.

  1. Fate richiesta per l'attività tramite il bottone che trovate alla fine di questa pagina e aggiungete al suo interno la vostra classe.
  2. Annotate le immagini singolarmente o in gruppi secondo le categorie proposte. Oltre allo strumento digitale, potete anche servirvi di una tabella da compilare disponibile a questo link e riportata qui in basso: potete condividerla in un cloud o in una classe virtuale (consegnando ad ogni studente il compito). La tabella ci permette di formulare e condividere con gli studenti le domande di ricerca per stimolare l’analisi guidata dell’immagine proposta. Può anche rappresentare un punto di partenza per arricchire la stessa attraverso attività di brainstorming che coinvolgano gli studenti ad analizzare l’immagine dalla loro prospettiva.
  3. Una volta conclusa l'annotazione, potete visionare le annotazioni della vostra classe dalla pagina del vostro progetto cliccando su "Controlla" e poi sul nome del vostro studente o della vostra studentessa
  4. Riflettete insieme sulle annotazioni ispirandovi alle linee guida che vi proponiamo di seguito.
ContenutoLinguaDimensione visuale
Discorso
DiscorsoRelazioni intervisuali
Cosa ti fa venire in mente questa immagine? Quali sono gli elementi che vedi nell’immagine? Ci sono elementi “paratestuali” che non appartengono all’immagine che ti aiutano a capirne il significato?
Opera
Come sono combinati i diversi elementi per creare un’unità dotata di significato?
Grammatica
Periodo

Frase

Predicato
Parola
Scena (quale sequenza di movimento-azione-evento compongono gli oggetti?)
Sotto-scene (l’immagine può essere scomposta in “mini” scene indipendenti?)
Figura (quali oggetti/elementi sono presenti nell’immagine?)
Parte (quali elementi delle figure sono visibili?)
Aspetto

Materialità
Caratteristiche tipografiche/grafologiche e grafica.
Es. Come sono usati i colori? Sono usati materiali diversi per evidenziare aspetti diversi dell’immagine? Come sono usate la prospettiva e l’inquadratura?

Esempio

Annotazione sulle immagini di Dracula tratte dalla copertina dell’opera di Bram Stoker del 1897 (in edizione Penguin Classics) e la locandina del film Dracula Untold del 2014. Dopo l'immagine c'è la tabella che potete chiedere di compilare alla vostra classe, disponibile a questo link.

drawing

Copertina del libro

ContenutoLinguaDimensione visuale
Discorso
DiscorsoRelazioni intervisuali
1)Vedo una mano pallida (probabilmente di un cadavere) con le unghie lunghe che emerge da una bara. Ricollego l’immagine alla figura del vampiro, che ho già visto.
2) Immaginario horror
Opera
Copertina del libro che rimanda esplicitamente al personaggio principale del romanzo, attraverso il collegamento tra immagine e titolo (“Dracula”)
Grammatica
Periodo


Frase




Predicato


Parola
Scena
Vampiro che si risveglia ed esce dalla bara
Sotto-scene
La mano cadaverica rappresenta metonimicamente la parte per il tutto (Dracula)
Figura
1) bara, 2) conte Dracula

Parte
1) feretro di velluto, 2) mano pallida con unghie lunghe
AspettoMaterialità
Caratteristiche tipografiche/grafologiche e grafica
I colori predominanti sono il bianco (legato al pallore), il nero (che rappresenta simbolicamente la morte) e il rosso usato per il titolo e per rappresentare il velluto all’interno della bara. L’uso dei colori si lega ai concetti di macabro, horror, paura.
drawing

Locandina del film

ContenutoLinguaDimensione visuale
Discorso
DiscorsoRelazioni intervisuali
1) Immaginario fantasy
2) Vedo un personaggio situato su un dirupo che guarda verso il basso; sullo sfondo è raffigurato un castello
3) Il personaggio viene rappresentato nelle vesti di eroe
Opera
1) Capisco che si tratta della locandina di un film perché sono presenti elementi testuali
2) La presenza del nome “Dracula” richiama al personaggio del romanzo horror e mi permette di collegare il tema del film all’uomo raffigurato
3) Il titolo “Dracula Untold” suggerisce che si tratti di una versione nuova, non ancora raccontata delle vicende del Conte Dracula
Grammatica
Periodo





Frase




Predicato




Parola
Scena
Uomo che guarda giù, probabilmente dopo aver scampato un pericolo o aver combattuto (come evidenziato dalla spada)
Sotto-scene
Il mantello che si trasforma in uno sciame di pipistrelli: il pipistrello è l’animale simbolo di Dracula
Figura
1) personaggio-eroe combattente
2) castello

Parte
Mantello nero e pipistrelli
AspettoMaterialità
Caratteristiche tipografiche/grafologiche e grafica
I colori preponderanti sono il nero e il bianco; in generale,
l’uso del nero contribuisce a creare un’atmosfera cupa.

Restituzione/riflessione guidata

Guardando la locandina dell'opera, che cosa ti aspetti a livello di trama e personaggi? E se guardi la copertina del libro ti immagini le stesse cose o ci sono differenze? Di che tipo? Copertina e locandina veicolano secondo te una stessa concezione dell'opera? Se sì perchè? Se no perchè?

Rubric di valutazione

In questo link trovi una tabella dettagliata per valutare l'attività.

Vuoi fare l'attività? Clicca qui per richiederla!